Al via “Guardaroba Solidale”: donare ai poveri per salvaguardare l’ambiente

0
914

Solidarietà per i più bisognosi,  aiuto alle famiglie in difficoltà e contemporaneamente riciclo e riuso di oggetti e capi di abbigliamento che finirebbero anzitempo in discarica o peggio, nelle campagne circostanti. Questa  la lodevole iniziativa ideata da FareAmbiente – Laudato Sì di Torremaggiore (FG) denominata “GuardarobaSolidale” finalizzata a coniugare l’impegno sociale con quello ambientale  evitando accuratamente di far mercato a spese dei bisognosi. Su iniziativa del responsabile centro sud della sezione Laudato Sì, Ruggiero Del Grosso, i volontari di FareAmbiente hanno lanciato un accorato appello ai cittadini affinché donassero capi di abbigliamento o oggetti di particolare utilità per l’infanzia.

Il”nocciolo duro” dei volontari promotori dell’iniziativa “Guardaroba Solidale”. Al centro, a sinistra del diacono, il presidente Ruggiero Del Grosso, di fianco a destra il parroco della parrocchia di Santa Maria della Strada Don Matteo Pensato e in fondo sulla sinistra il viceparroco Don Enrico Bernasconi,

Numerosissimi cittadini hanno risposto all’appello portando centinaia di capi di abbigliamento presso la sede locale dell’associazione. I volontari hanno iniziato subito a distribuirli alle famiglie disagiate che ne facevano richiesta. Donati anche 3 passeggini, una culla e un corredo per neonati, regalato quest’ultimo a una giovane madre in dolce attesa e con il marito precario.

Sacchi di abiti donati da generosi cittadini

L’iniziativa ha avuto il pieno sostegno da parte del vescovo della diocesi di San Severo (FG) S.E. Monsignor Giovanni Checchinato a cui Del Grosso ha chiesto tra l’altro l’assegnazione di una sede idonea ove poter cucinare la domenica per i bisognosi alla stregua di quanto fatto durante le feste natalizie.

La sede potrebbe essere quella della parrocchia Santa Maria della Strada di Torremaggiore retta dal parroco don Matteo Pensato e dal viceparroco don Enrico Bernasconi, uno dei volontari che aiuta alla preparazione del pranzo dei bisognosi, così come il diacono don Antonino Valente che segue la parte spirituale di Laudato Sì.                      Una delle tante iniziative quella di “Guardaroba Solidale” tendente a coinvolgere sempre di più i cittadini nella vita sociale cercando di responsabilizzarli verso la fascia più debole della popolazione e nel contempo verso la cultura del risparmio energetico e del riuso/riciclo, perché riciclare beni e riusarli significa anche risparmio energetico e quindi difesa dell’ambiente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here