FareAmbiente: Dieci candeline per la sostenibilità

0
202

In occasione del suo decimo compleanno FareAmbiente – Movimento ecologista europeo si ritroverà a Roma in Piazza di Pietra per un Meeting nazionale ove si farà il punto sui dieci anni di attività.

Interverranno rappresentanti provenienti da ogni parte d’Italia dal momento che l’associazione è cresciuta a dismisura ed è presente a vario titolo in quasi ogni regione del Belpaese.

“Da Bolzano a Lampedusa” chiosa con una punta d’orgoglio il suo fondatore Vincenzo Pepe.

 D Presidente ma il senso di questo Meeting al di là delle candeline?

Lanciare un appello alle future forze di Governo affinché considerino l’ambiente come un valore etico. L’ambiente è vita e la vita non può avere colorazioni politiche. L’ambiente deve essere posto al di sopra delle barriere ideologiche e deve essere salvaguardato in maniera scientifica e ragionevole, considerando l’attuale stato di evoluzione della società umana ed evitando di proporre rimedi estremi e irrealizzabili conditi da campagne di terrorismo mediatico.

 

 D Presidente ma il senso di questo Meeting al di là delle candeline?

Lanciare un appello alle future forze di Governo affinché considerino l’ambiente come un valore etico. L’ambiente è vita e la vita non può avere colorazioni politiche. L’ambiente deve essere posto al di sopra delle barriere ideologiche e deve essere salvaguardato in maniera scientifica e ragionevole, considerando l’attuale stato di evoluzione della società umana ed evitando di proporre rimedi estremi e irrealizzabili conditi da campagne di terrorismo mediatico.

D Quali sono le maggiori campagne condotte dall’associazione da Lei presieduta in questo decennio? 

Educazione ambientale prima di tutto, educazione soprattutto alla conoscenza dell’energia, perché conoscendo le varie fasi di produzione e distribuzione dell’energia i cittadini possano capire l’importanza del risparmio energetico; sulla  mobilità sostenibile, promuovendo due iniziative legislative, una delle quali andata a buon fine, la salvaguardia della Dieta Mediterranea, concepita come stile di vita prima ancora che alimentare, la salvaguardia del patrimonio artistico-culturale-ambietale, che ho osato definire, tra le ire del mio amico Vittorio Sgarbi, “il vero petrolio italiano” e soprattutto la salvaguardia dell’agricoltura e dell’identità territoriale che sono due cose strettamente connesse poiché quest’ultima è considerata il valore base  della difesa del territorio e del suo ecosistema.

D Cosa suggerirà quindi ai futuri governanti?

Di considerare l’ambiente un argomento fondamentale per la ripresa dell’economia italiana, di un’economia  improntata  sulla sostenibilità e sul basso impatto ambientale perché,  se è vero che l’ambiente “non si mangia”, è pur vero che di ambiente si può morire.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here